jump to navigation

Le intercettazioni private del Platinette barbuto dicembre 17, 2009

Posted by spotlessmind in Lo zoo di Ferrara, Non delude mai.
1 comment so far

Solito esercizio di prestidigitazione verbale di Giulianone sul Foglio (stavo per dire sul “suo” giornale, ma poi mi sono ricordato che il lenzuolo rosa pallido è finanziato dalla collettività, quindi anche da me..). Truccando le premesse, si arriva con ferrea logica alle conseguenze desiderate. In particolare, degno di nota è il passo iniziale in cui il nostro afferma (senza scoppiare a ridere) che “da Obama in giù è venuta spontanea l’idea di esprimere al presidente del Consiglio aggredito una schietta e incondizionata solidarietà politica, oltre che personale”. Ferrara non vegliava sul suo Capo al San Raffaele, ergo le telefonate di sostegno da parte dei Capi di stato deve averle intercettate. Se non le ha intercettate, sta mentendo (come al solito, sapendo di mentire), dal momento che egli sa benissimo (ma cerca di fregare i suoi coltissimi lettori) che la soliderietà politica si manifesta ogni qual volta si è sotto attacco politico. E non mi sembra che Obama, Merkel e così via abbiano solidarizzato col Cavaliere quando
questi ha denunciato di essere sotto attacco eversivo da parte del partito dei giudici. Tutt’altro.

L’equilibrio a senso unico dicembre 17, 2009

Posted by spotlessmind in Politica e altre inezie.
add a comment

Solito editoriale finto terzista del prof. Panebianco del Corriere, piuttosto distante da quello (davvero equilibrato) di Sergio Romano pubblicato ieri. Il professore persevera nella sua specialità, fornire consigli (non richiesti) al centrosinistra e al suo leader; nella specie, gli consiglia il suicidio politico. Tra qualche giorno si lamenterà che Bersani non ha avuto il coraggio di raccoglierlo, questo suo illuminato consiglio (facendo così intendere che, sotto sotto, anche il segretario del PD condivide analisi e soluzione del professore). Il fatto è che Bersani è persona educata, e Panebianco se ne approfitta. Se – almeno una volta nella vita – il professore moderato mostrasse le palle (copyright Silvio) e decidesse di chiedere al PdL e a Berlusconi l’analogo sforzo di isolare l’estremismo nel suo schieramento (e cioè di abbandonare la Lega al suo destino, non rinnovando l’alleanza) allora gli potrei dare un attestato di coerenza e onestà intellettuale. Prima, resta solo un furbacchione.